Sulla improcedibilità del ricorso in caso di mancanza dell’attestazione di conformità

Il deposito in cancelleria, nel termine di venti giorni dall’ultima notifica, di copia analogica della decisione impugnata redatta in formato elettronico e firmata digitalmente (e necessariamente inserita nel fascicolo informatico) senza attestazione di conformità del difensore ex art. 16-bis, comma 9-bis d.l. n. 179 del 2012, conv. dalla l. n. 221 del 2012, oppure con attestazione priva di sottoscrizione autografa, non comporta l’applicazione della sanzione dell’improcedibilità ove l’unico controricorrente o uno dei controricorrenti (anche tardivamente costituitosi) depositi copia analogica della decisione stessa ritualmente autenticata ovvero non abbia disconosciuto la conformità della copia informale all’originale della medesima decisione. Mentre se alcune o tutte le parti rimangano intimate o, comunque, disconoscano la conformità all’originale della copia analogica non autenticata della decisione tempestivamente depositata, per evitare di incorrere nella dichiarazione di improcedibilità sarà onere del ricorrente depositare l’asseverazione di conformità all’originale della copia analogica della decisione impugnata sino all’udienza di discussione o all’adunanza in camera di consiglio.

Cassazione civile sez. I, 19/04/2019, n.11102

FATTI DI CAUSA

1. Il Tribunale di Campobasso, con decreto del 26 marzo 2018, ha rigettato il ricorso proposto avverso il provvedimento della Commissione territoriale di Salerno – Sezione di Campobasso – che, in data 25 maggio 2017, aveva respinto la domanda di protezione internazionale, sub specie di riconoscimento dello status di rifugiato ovvero di protezione sussidiaria, o di protezione umanitaria avanzata da M.L.S., che aveva addotto, a ragione della richiesta, il timore di subire persecuzioni in (OMISSIS), suo paese di origine, a causa dell’appartenenza all’organizzazione politica (OMISSIS), o, comunque, il timore di incorrere nel rischio di subire un grave danno alla persona ove vi fosse ritornato – a causa del mandato di cattura spiccato nei suoi confronti per avere partecipato ad una manifestazione di protesta inscenata, nel 2014, dagli appartenenti alla organizzazione politica menzionata -, avendo confermato l’apprezzamento di totale inattendibilità della narrazione dei fatti – connotata da lacune e incongruenze – svolta dal ricorrente e la valutazione, espressa dalla Commissione Territoriale, in ordine alla situazione del (OMISSIS), in particolare del (OMISSIS), quale paese che non presentava – seconde le più aggiornate informazioni desumibili dal report del Ministero degli affari esteri – un contesto di violenza generalizzata tale da esporre a minaccia grave la vita dei civili.

2. Il ricorso per cassazione, presentato nell’interesse del richiedente, avverso la decisione del Tribunale, è affidato ad un unico motivo, con il quale è denunciato, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, il vizio di violazione di legge, in relazione al D.Lgs. 28 gennaio 2008, n. 25, art. 8, comma 3, sul rilievo che il giudice censurato avrebbe eluso l’obbligo di cooperazione istruttoria, che incombe sulle autorità decidenti, avendo verificato la situazione della regione di provenienza del richiedente sulla base di un non meglio qualificato report del Ministero degli Esteri, senza compulsare le fonti qualificate, richiamate in ricorso, idonee a dimostrare l’esistenza di un contesto di violenza generalizzata anche nell’area geografica del (OMISSIS). Nondimeno, il mancato approfondimento istruttorio officioso in ordine alla instabilità socio-politica e religiosa della regione (OMISSIS) del (OMISSIS) aveva dato luogo anche alla violazione del D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 14, lett. c), atteso che, in caso di esistenza di una situazione di violenza indiscriminata, la prova della minaccia grave e individuale alla vita o alla persona di un civile può essere desunta dalla situazione stessa, senza che assumano rilievo l’inverosimiglianza e le contraddittorietà del racconto del richiedente.
Diritto
RAGIONI DELLA DECISIONE

Il ricorso è improcedibile.

1. Avuto riguardo al principio di diritto secondo il quale, in tema di ricorso per cassazione, ove la notificazione della sentenza impugnata sia stata eseguita con modalità telematiche, è necessario che il difensore del ricorrente, destinatario della suddetta notifica, estragga copia cartacea del messaggio di posta elettronica certificata pervenutogli e dei suoi allegati (relazione di notifica e provvedimento impugnato) ed attesti, con propria sottoscrizione autografa, la conformità agli originali digitali della copia formata su supporto analogico, ai sensi della L. n. 53 del 1994, art. 9, commi 1-bis e 1-ter, depositando nei termini quest’ultima presso la cancelleria della Suprema Corte (Sez. 6 -, Ordinanza n. 30765 del 22/12/2017, Rv. 647029 – 01), occorre rilevare che al suddetto onere non si è correttamente adempiuto da parte del difensore di S.M.L., che, piuttosto che attestare la conformità della copia analogica, cioè cartacea, del messaggio di posta elettronica certificata, dei suoi allegati e della ricevuta di accettazione e di avvenuta consegna, ai documenti informatici da cui la copia stessa è tratta, ha, all’inverso, attestato che la copia informatica depositata è conforme all’originale analogico.

2. A ciò deve (Ndr: testo originale non comprensibile) che le Sezioni Unite di questa Corte, con sentenza n. 8312 del 25 marzo 2019, hanno affermato che il deposito in cancelleria, nel termine di venti giorni dall’ultima notifica, di copia analogica della decisione impugnata redatta in formato elettronico e firmata digitalmente (e necessariamente inserita nel fascicolo informatico) senza attestazione di conformità del difensore D.L. n. 179 del 2012, ex art. 16-bis, comma 9 bis, convertito dalla L. n. 221 del 2012, oppure con attestazione priva di sottoscrizione autografa, non comporta l’applicazione della sanzione dell’improcedibilità ove l’unico controricorrente o uno dei controricorrenti (anche tardivamente costituitosi) depositi copia analogica della decisione stessa ritualmente autenticata ovvero non abbia disconosciuto la conformità della copia informale all’originale della medesima decisione. Mentre se alcune o tutte le parti rimangano intimate o, comunque, disconoscano la conformità all’originale della copia analogica non autenticata della decisione tempestivamente depositata, per evitare di incorrere nella dichiarazione di improcedibilità sarà onere del ricorrente depositare l’asseverazione di conformità all’originale della copia analogica della decisione impugnata sino all’udienza di discussione o all’adunanza in camera di consiglio.

3. Poichè l’intimato Ministero dell’Interno e rimasto tale e il difensore del ricorrente non ha depositato, entro la data dell’odierna adunanza in camera di consiglio, l’asseverazione di conformità all’originale della copia analogica della decisione impugnata, il proposto ricorso non può essere che dichiarato improcedibile.

4. S’impone, dunque, la declaratoria d’improcedibilità del ricorso. Non v’è luogo a provvedere sulle spese processuali, non avendo l’intimato svolto attività difensiva, nè ricorrono i presupposti per l’applicazione del doppio contributo di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, essendo stato il richiedente ammesso al patrocinio a spese dello Stato.
PQM
P.Q.M.

La Corte dichiara improcedibile il ricorso. Non v’è luogo a provvedere sulle spese processuali, non avendo l’intimato svolto attività difensiva.

Così deciso in Roma, il 29 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2019

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento