Archivio Categoria: Diritto Bancario

In tema di contratti bancari, la clausola contenuta nei contratti di apertura di credito in conto corrente, che preveda l’applicazione di un determinato tasso sugli interessi dovuti dal cliente e con fluttuazione tendenzialmente aperta è nulla ex art. 1344 c.c.

raccomandataIn tema di contratti bancari, la clausola contenuta nei contratti di apertura di credito in conto corrente, che preveda l’applicazione di un determinato tasso sugli interessi dovuti dal cliente e con fluttuazione tendenzialmente aperta, da correggere con sua automatica riduzione in caso di superamento del c.d. tasso soglia usurario, ma solo mediante l’astratta affermazione del diritto alla restituzione del supero in capo al correntista, è nulla ex art. 1344 c.c., perché tesa ad eludere il divieto di pattuire interessi usurari, previsto per il contratto di mutuo dall’art. 1815, comma 2 c.c.

Cass. civ. Sez. I, Sent., 22-06-2016, n. 12965   Continua »

Print Friendly, PDF & Email