Archivio Categoria: Procedura Penale

Rientra nella giurisdizione del giudice ordinario la controversia avente ad oggetto la escussione, da parte di un Comune, di una polizza fideiussoria concessa a garanzia di somme dovute per oneri di urbanizzazione e a titolo di penali, pattuite in una convenzione di lottizzazione

fidejussione-emerlaws-pronto-soccorso-legaleRientra nella giurisdizione del giudice ordinario la controversia avente ad oggetto la escussione, da parte di un Comune, di una polizza fideiussoria concessa a garanzia di somme dovute per oneri di urbanizzazione e a titolo di penali, pattuite in una convenzione di lottizzazione. Rileva, in tal caso, l’autonomia dei rapporti, nonché la circostanza che l’Amministrazione agisce nell’ambito di un rapporto privatistico, senza esercitare, neppure mediamente, pubblici poteri.

Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 28-07-2016, n. 15666   Continua »

Print Friendly

Nella fase del procedimento disciplinare di carattere amministrativo di fronte al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, l’atto di apertura del procedimento e tutti gli atti procedimentali di natura propulsiva, o probatoria,appresentano atti di interruzione della prescrizione con effetti istantanei, secondo il modello di cui all’art. 160 c.p.

bilancia-infortunistica-stradale2Nella fase del procedimento disciplinare di carattere amministrativo di fronte al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, l’atto di apertura del procedimento e tutti gli atti procedimentali di natura propulsiva, o probatoria, quali la consulenza tecnica di ufficio, l’interrogatorio del professionista sottoposto al procedimento de quo, o decisoria rappresentano atti di interruzione della prescrizione con effetti istantanei, secondo il modello di cui all’art. 160 c.p.

Cass. civ. Sez. Unite, 20/09/2013, n. 21591 Continua »

Print Friendly

Spetta pur sempre al giudice una sommaria delibazione sulla roposizione del ricorso per ricusazione

giustizia_01La proposizione del ricorso per ricusazione non implica ipso iure la sospensione del processo e la devoluzione della questione al giudice competente a decidere al riguardo, in quanto spetta pur sempre al giudice a quo una sommaria delibazione della sua ammissibilità e la decisione conseguente di prosecuzione o di rimessione.

Cass. civ. Sez. Unite, 18/04/2013, n. 9409

Print Friendly

L’attività professionale di natura stragiudiziale che l’avvocato si trova a svolgere nell’interesse del proprio assistito non è ammessa al patrocinio a spese dello Stato

0002(10)L’attività professionale di natura stragiudiziale che l’avvocato si trova a svolgere nell’interesse del proprio assistito non è ammessa al patrocinio a spese dello Stato, in quanto si esplica al di fuori del processo, con la conseguenza che il relativo compenso si pone a carico del cliente. Tuttavia, ove di tratti di attività professionale svolta in vista della successiva azione giudiziaria, essa deve essere ricompresa nell’azione stessa ai fini della liquidazione a carico dello Stato, sicché in relazione alla stessa il professionista non può chiedere il compenso al cliente ammesso al patrocino a spese dello Stato.

Cass. civ. Sez. Unite, 19/04/2013, n. 9529    Continua »

Print Friendly

Tariffe abrogate: per i giudici restano come usi

Atto Camera Interrogazione a risposta in Commissione 5-06052 presentata da CINZIA CAPANO martedì 31 gennaio 2012, seduta n.579 CAPANO. – Al Ministro della giustizia.- Per sapere – premesso che: a seguito dell’entrata in vigore del decreto sulle liberalizzazioni sono state abrogate le tariffe e la norma che disponeva che il giudice dovesse riferirsi ad esse nella liquidazioni delle spese legali nel caso di soccombenza; Continua »

Print Friendly

Decreto Legge 22.12.2011 n° 211 , G.U. 22.12.2011 – Decreto ”svuota carceri”.

DECRETO-LEGGE 22 dicembre 2011, n. 211

Interventi urgenti per il contrasto della tensione detentiva determinata dal sovraffollamento delle carceri. (11G0254)

(GU n. 297 del 22-12-2011)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Continua »

Print Friendly

GdP Catanzaro – ord. 1/9/2011 – Fondatezza e rilevanza dell’eccezione di incostituzionalità del sistema di mediazione civile

Il Giudice di pace di Catanzaro (Avv. R. Lupinacci) invia alla Consulta la questione relativa alla legittimità costituzionale delle disposizioni di legge che hanno introdotto il sistema di mediazione obbligatoria in materia civile e commerciale.

tratto dal sito del COA di CATANZARO – Clicca qui per continuare a leggere

Print Friendly