Archivi Tag: art. 1137 c.c.

Annullabilità delle delibere per omessa indicazione del punto dell’OGD da trattare e mancato raggiungimento del quorum

In materia condominiale, l’omessa indicazione del punto da trattare nell’ordine del giorno ed il mancato raggiungimento del quorum previsto dall’art. 1136, comma 2° c.c., non è causa di nullità delle relative delibere bensì di annullabilità. La nullità opera solo nell’ipotesi in cui le delibere abbiano un oggetto illecito, impossibile, estraneo alla competeza assembleare ovvero destinato ad incidere su diritti inviolabili. L’annullabilità concerne la contrarietà delle delibere alla legge o al regolamento di condominio; esse sono impugnabili solo nei modi e nei termini di cui all’art. 1137 c.c.

App. Napoli Sez. III, 07/04/2011  Continua »

Condominio: atto introduttivo di impugnazione delibere con ricorso o citazione?

“L’art. 1137 c.c. non disciplina la forma delle impugnazioni delle deliberazioni condominiali, che vanno pertanto proposte con citazione, in applicazione della regola dettata dall’art. 163 c.p.c.”

Cassazione civile, Sezioni Unite 8491/2011 depositata il 14/04/2011

Primo presidente dott. Paolo Vittoria relatore dott. Ettore Bucciante Continua »

Impugnazione delibera assembleare da parte di una società

Legittimato all’impugnativa delle delibere dell’assemblea dei condomini ex art. 1137 c.c. è, nel caso in cui l’unità immobiliare appartenga ad un ente societario, unicamente la società e non anche il singolo socio.

App. Napoli Sez. II, 27/01/2011